Libri e lettura. Saranno queste le parole d’ordine sabato 9 novembre a Pontremoli dove, durante il pomeriggio, andranno in scena due presentazioni di opere di grande spessore e importanza culturale. Appuntamenti di elevato interesse che assumono contorni ben definiti a fronte del contesto che li ospiterà. Pontremoli, Città del Libro, culla del Premio Bancarella e della tradizione dei librai, dà quindi il benvenuto a queste due opere contribuendo così alla loro conoscenza e alla loro diffusione.

Si comincia alle ore 16.30 all’interno della suggestiva cornice della Sala dei Sindaci del Palazzo Comunale. Il Centro Culturale “Il Porticciolo”, con il Patrocinio del Comune di Pontremoli infatti, presenterà “Dillo con un fiore. Poesie, racconti, leggende, emozioni”, realizzato a cura di Rina Gambini. E sarà proprio Rina Gambini, insieme al Dottor Egidio Di Spigna a condurre l’incontro con l’introduzione del professor Giuseppe Benelli. Un pomeriggio in cui ad intrattenere tutti coloro che vorranno partecipare ci saranno letture di poesie o di testi degli autori partecipanti all’Antologia e presenti all’evento. Un’opera ricca in contenuti e in rimandi letterari. Al suo interno infatti, trovano spazio i fiori, le poesie che alcuni autori contemporanei hanno scritto su essi, rimandi mitologici, aneddoti, citazioni di personaggi storici e immagini a colori. Una sorta di enciclopedia letteraria in cui trovare numerose specie, dalle più note a quelle meno conosciute. E poi racconti di attualità riguardanti i fiori, brani narrativi e tantissime altre notizie che aiuteranno il lettore ad immergersi in questo profumatissimo e coloratissimo mondo.

Alle ore 17 invece, all’interno delle Stanze del Teatro della Rosa, verrà presentato “La bellezza. Petit Tour del Mugello mediceo”. Un evento a cui sarà presente l’autore Riccardo Nencini, che racconterà a tutti i presenti che cosa l’ha spinto alla realizzazione di quest’opera. Non un libro di storia, non una guida turistica. “La bellezza. Petit Tour del Mugello mediceo” rappresenta un vero e concreto atto d’amore verso un territorio fatto di borghi, pievi, abbazie, nei confronti della propria terra, una terra ancorata saldamente al passato che l’ha vista protagonista e che ancora oggi segna quella che è la natura dei suoi luoghi.

Due appuntamenti davvero di prim’ordine alla quale tutti sono invitati a partecipare. Un pomeriggio immersi nella cultura e nello spirito tutto pontremolese che questa stagione sa regalare.

Ufficio stampa