Riattiva css
Comune di Pontremoli

Comune di Pontremoli

Vi trovate qui: Home » Informazione » Dall'Amministrazione
  • Aumenta carattere
  • Ripristina carattere
  • Diminuisci carattere

RACCOLTA FUNGHI NEL TERRITORIO COMUNALE

24/10/2009

 

La raccolta dei funghi epigei spontanei nel territorio comunale - e in tutto l’ambito regionale - è disciplinata dalla Legge regionale 22.03.1999, n.16 con le modalità appresso indicate ed è consentita previa autorizzazione.
L’autorizzazione può essere di tipo personale o turistico ed esattamente:
- autorizzazione di tipo personale (valida su tutto il territorio della Regione Toscana per un periodo di sei mesi, un anno o tre anni dalla data del rilascio.) per i residenti nel  territorio del Comune di Pontremoli, con raccolta massima di 6 kg. al giorno nel territorio di residenza e 3 kg. al giorno in tutti gli altri Comuni della Toscana;
- autorizzazione di tipo turistico ( valida limitatamente al territorio del Comune di Pontremoli e a quello dei Comuni confinanti – Filattiera, Mulazzo e Zeri - , per un giorno o per sette giorni, anche non consecutivi, fruibili a scelta del titolare entro l'anno solare di rilascio) per i residenti nella Regione Toscana e per i residenti fuori Regione, con raccolta massima di kg.3 al giorno.
I minori di quattordici anni – che non devono fare alcun versamento -  possono effettuare la raccolta solo se accompagnati da persona maggiorenne munita di autorizzazione. I funghi raccolti dai minori di quattordici anni concorrono a formare il quantitativo giornaliero di raccolta consentito al titolare dell'autorizzazione.
Se il minore ha compiuto i 14 anni, il versamento è effettuato dall'esercente la potestà genitoriale e contiene, nella causale, anche l'indicazione delle generalità del minore stesso oltre a quanto appresso indicato.
Gli importi delle autorizzazioni, sia personali che turistiche, sono ridotti del cinquanta per cento per i minori che hanno compiuto i quattordici anni in possesso dell'attestato di frequenza ai corsi di cui all'articolo 17 della L.R.T. 22.03.1999, n.16.
Le autorizzazioni di tipo personale e quella di tipo turistico sono sostituite dalla ricevuta del versamento sul c.c.p.  11673548 intestato a “Comune di Pontremoli – Ufficio Polizia”. Il versamento deve contenere le generalità del raccoglitore, la sua residenza e, nello spazio riservato alla causale, i suoi dati anagrafici (luogo e data di nascita) e la dicitura “raccolta funghi”. Per il versamento che sostituisce l’autorizzazione di tipo turistico anche le date dei giorni prescelti devono essere annotate sulla relativa ricevuta a cura del raccoglitore e prima dell'inizio della raccolta.
Gli importi dei versamenti si differenziano in base al tipo di autorizzazione cui si riferiscono ed esattamente:
- Euro 6,46 - autorizzazioni personali semestrali rilasciate ai residenti nel Comune di Pontremoli;
- Euro 12,91  - autorizzazioni personali annuali rilasciate ai residenti nel Comune di Pontremoli;
- Euro 30,99 - autorizzazioni personali triennali rilasciate ai residenti nel Comune di Pontremoli;
- Euro 3,62  - autorizzazioni turistiche giornaliere;
- Euro 12,91 – autorizzazioni turistiche per sette giorni, anche non consecutivi.

Non sono soggetti ad autorizzazione:
- i titolari di diritti personali o reali di godimento sui fondi se praticano la raccolta negli stessi e senza limiti di quantità
- i residenti nel Comune di Pontremoli, con i limiti di quantità 6 Kg/giorno;
- i non residenti proprietari di terreni boschivi nel Comune di Pontremoli con superficie pari o superiore a 5 ettari che consentono, sugli stessi fondi, il libero accesso agli altri raccoglitori.
 
Per la raccolta nelle riserve a pagamento è necessaria l'autorizzazione rilasciata dall'ente gestore la riserva e non occorre quella rilasciata dal Comune.
MODALITA’ E DISCIPLINA DI RACCOLTA
La raccolta è consentita da un'ora prima del sorgere del sole fino ad un'ora dopo il tramonto, nei boschi e nei terreni non coltivati, nei quali sia consentito l'accesso e non sia in alcun modo riservata la raccolta dei funghi stessi.
I funghi devono essere riposti in contenitori rigidi aerati o a rete, idonei a diffondere le spore e non in buste di plastica, sacchetti, borse e contenitori ermetici.
E' vietato l'uso di rastrelli, uncini o altri mezzi che possono danneggiare lo strato umifero del terreno, il micelio o l'apparato radicale della vegetazione.
E' vietata la raccolta di esemplari con dimensione minima del cappello inferiore a 4 cm per il gruppo Boletus e cm 2 per il Dormiente e il Prugnolo. Per "grandezza del cappello" si intende la misura del diametro dello stesso.
E' vietata la raccolta dell'Amanita Caesarea allo stato di ovulo chiuso e la distruzione o il danneggiamento dei carpofori fungini di qualsiasi specie.
Se la raccolta consiste in un unico esemplare o in un solo cespo di funghi concresciuti, si possono superare i limiti giornalieri, se non già raggiunti.
La raccolta dei funghi è inoltre vietata nelle riserve naturali integrali, in tutte le aree tabellate, nei giardini e nei terreni degli immobili ad uso abitativo adiacenti agli immobili stessi, salvo che ai proprietari o possessori. La pertinenza degli immobili ad uso abitativo, ove non evidente, è stabilita nella misura massima di metri 100 dagli stessi. La raccolta è infine vietata: nelle aree a verde pubblico, per una distanza di metri venti dal margine della carreggiata delle strade classificate ai sensi dell'art. 2 del D.Lgs. 30/04/1992 n. 285 "Nuovo codice della strada", con l'eccezione delle strade vicinali ed altresì nelle aree a discarica, ancorchè dismesse, e nelle aree industriali.
La sorveglianza dell'applicazione del regolamento è affidata alle Forze dell'Ordine, al Corpo Forestale dello Stato, alla Polizia Municipale, alla Polizia Forestale, alle Guardie Ambientali Volontarie. Tutti i soggetti incaricati dell'accertamento delle infrazioni possono chiedere l'esibizione di un documento idoneo e valido a dimostrare l'identità e la residenza, della ricevuta del versamento degli importi nonchè di idoneo documento comprovante la proprietà o la dichiarazione sostitutiva di certificazione.

« Torna indietro 
Comune di Pontremoli Comune di Pontremoli
Piazza della Repubblica - 54027 Pontremoli (MS) - Tel. 0187.460111 - Fax 0187.833289
Cod. Fiscale 81009170457 - P.IVA 00067470450
CSS Valido! Valid XHTML 1.0 Strict
project by Fantanet srl