Serata di preghiera all’interno dell’Ospitale San Lorenzo Martire, a Pontremoli

//Serata di preghiera all’interno dell’Ospitale San Lorenzo Martire, a Pontremoli

«Pregheremo Padre Pio, per far sì che anche lui ci aiuti a mantenere qui le sue reliquie». Avrà quest’obiettivo la serata di preghiera organizzata sabato 30 Settembre all’interno dell’Ospitale San Lorenzo Martire, a Pontremoli, in questi giorni protagonista di una disputa che sta impensierendo l’intera cittadinanza ed un gran numero di devoti.
Organizzata dalla Parrocchia di San Francesco e Colombano e fortemente sostenuta dal Comune di Pontremoli, la serata avrà inizio alle ore 21 e sarà incentrata interamente sulla preghiera.
«Importante sensibilizzare tutti sul problema del possibile trasferimento delle reliquie da noi custodite – ha spiegato Don Pietro Pratolongo -, donate da padre Michelangelo da Cavallana e meta di culto per molti fedeli. Portarle via significherebbe andare contro la venerazione pubblica. E tutto questo, anche a norma di diritto, non consente il loro trasferimento». A risentirne quindi non solo la popolazione di Pontremoli, ma anche tutti quei fedeli che raggiungono l’Ospitale soprattutto per poter pregare il Santo e gli oggetti a lui appartenuti.
«Questa serata sarà l’opportunità di manifestare la nostra vicinanza alla causa – ha spiegato il Sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini -. Le reliquie sono un bene di tutta la comunità e di tutti i devoti. Privare il nostro territorio di un patrimonio di inestimabile valore spirituale sarebbe una sconfitta per tutti. Queste reliquie godono di un culto largamente popolare e un numero consistente di persone che le viene a pregare, venerare. Andare contro tutto questo significa andare contro il culto e la fede».

Ufficio stampa

2017-09-29T14:10:59+00:00 29 settembre 2017|