Inaugurazione postazione ricarica auto elettriche via B. Campi

//Inaugurazione postazione ricarica auto elettriche via B. Campi

Due postazioni per la ricarica di auto elettriche. Sette e ventidue KiloWatt di potenza. Energia sufficiente per caricare 10mila automobili elettriche. Sono questi i numeri delle due postazioni inaugurate nel mese di dicembre nel Comune di Pontremoli, in via Bernardino Campi, dall’Azienda Fera Srl (Fabbrica Energie Rinnovabili Alternative), che dal 2001 opera nel settore delle energie rinnovabili e con sedi a Milano, Livorno e Noto.

Un vero e proprio investimento che sfrutta l’energia del parco eolico presente nel Comune di Zeri mettendo a disposizione di tutti coloro che possiedono un’automobile elettrica, da molti considerato il mezzo del futuro. Due postazioni in cui fare “rifornimento”, proprio nel Comune del Campanone.

Al taglio del nastro era presente il Presidente di Fera Srl, l’Ingegnere Cesare Fera e numerosi componenti dello staff dell’azienda, che non sono voluti mancare all’evento. Scelta, quella dell’Azienda, che prepara quindi i territori prescelti, al futuro, quando le auto elettriche diventeranno patrimonio comune.

Il grande valore delle postazioni di via Bernardino Campi viene arricchito anche dal fatto che si tratta dell’unica postazione di ricarica sul tratto della Cisa, rendendo quindi indispensabile, per turisti e viaggiatori in arrivo dal Nord Europa dove le auto elettriche sono già molto diffuse,ma anche dal nord Italia, la sosta a Pontremoli. Da sempre punto strategico e di passaggio, ancora una volta si conferma snodo centrale sul territorio.

«Si tratta del primo, sino ad ora unico, punto ricarica sul tratto stradale n. 62 della Cisa – ha spiegato il Presidente di Fera, Cesare Fera -, su un percorso in cui se ne sentiva la mancanza. In molti ricaricano la propria auto a Milano, senza però riuscire a giungere a Livorno, dove esiste un’altra postazione come questa. Oggi in Italia ci sono più di 10mila auto elettriche, e tutti i loro proprietari sono stati da noi informati di questa nuova postazione. Dobbiamo essere pronti quando, tra circa dieci anni ci sarà molta più diffusione di questo tipo di automobili. E si tratta anche di un dovere dei cittadini: dobbiamo preservare il nostro ambiente». A seconda del tempo richiesto per la ricarica poi, il turista o il visitatore di passaggio, potrà cogliere l’occasione per visitare Pontremoli, vedere da vicino le sue numerose bellezze e assaggiare le sue gustose tipicità.

«Pontremoli per molti è stata “tagliata fuori” dal resto del mondo a causa dell’autostrada – ha spiegato il Sindaco Lucia Baracchini -. Per questo noi prendiamo il bello di questo essere “tagliati fuori” facendo delle nostre unicità e autenticità nel senso letterale del termine, la nostra prerogativa principale. E tra le nostre peculiarità ci sono proprio l’ambiente e la storia, intesi anche come patrimonio immateriale. Dobbiamo tenere unite le nostre tipicità con le esigenze del terzo millennio e la mobilità è il nostro obiettivo principale. Il fatto che Pontremoli sia tra le dodici postazioni inaugurate quest’anno ci riempie di soddisfazione e che siamo i primi sul territorio è un dato che ci inorgoglisce. L’avere queste postazioni è un valore aggiunto per noi. Vorremmo poi incentivare anche il mondo delle biciclette con pedalata assistita e anche queste necessitano di ricarica. Un nuovo punto di riferimento che permette di elaborare nuove idee e percorsi».

L’idea poi, sarebbe quella di installare nel luogo in cui si trova la postazione una cartellonistica che riporti informazioni rispetto a Pontremoli, ai siti da visitare, alle bellezze e ai punti di riferimento del territorio.

«Questo punto di ricarica– ha concluso Ugo Salvoni, responsabile del progetto per Fera Srl. – ha già registrato un numero interessante di passaggi. Il tutto diventa significativo per il territorio anche in chiave di incrementato del numero di visitatori. La postazione è attiva H24 e sette giorni su sette».

Un nuovo punto di forza che si spera possa divenire riferimento per chi viaggia ma anche per l’intero tessuto cittadino.

Ufficio Stampa

2018-01-29T09:09:58+00:0029 gennaio 2018|