Gli ambulanti del Natale effettuano donazione per ambulatorio oncologico Ospedale di Pontremoli

//Gli ambulanti del Natale effettuano donazione per ambulatorio oncologico Ospedale di Pontremoli

Quando il buon cuore si traduce in azioni guidate dallo spirito e dalla generosità.
Questa è una di quelle storie belle da raccontare durante il periodo natalizio, a lieto fine, dove l’amore supera i limiti e arriva dritto al cuore. È la storia degli ambulanti che a Pontremoli nelle prossime settimane si occuperanno di rendere più belle le nostre domeniche di festa, allestendo i mercati straordinari del Natale. Loro hanno unito le loro forze e insieme hanno deciso di trascorrere un Natale differente, impastato a speranza e all’essere generosi con il prossimo, soprattutto con chi è meno fortunato.
Sono stati loro, su iniziativa spontanea, a mettere insieme ognuno un contributo economico, in tutto 504 euro, da devolvere al progetto “I Care” sostenuto dal Comune di Pontremoli insieme all’Associazione Sportiva Dilettantistica Volley Pontremoli, con l’obiettivo di acquistare materiale e attrezzature per l’ambulatorio oncologico dell’Ospedale Sant’Antonio Abate.
Un modo per stare vicino e manifestare sostegno a chi nonostante l’arrivo delle feste, deve comunque fare i conti con i propri problemi, soprattutto se di salute. E quale modo migliore se non provando a fare qualcosa per loro, per cercare di fare, con queste donazioni, un passo in più verso il prossimo?
L’acquisto del materiale verrà effettuato entro il mese di gennaio 2018 e non mancherà l’occasione di presentare alla popolazione quanto donato anche dagli ambulanti del mercato di Natale con generosità e passione.
«Siamo vicini all’obiettivo – ha spiegato il Vice Sindaco Manuel Buttini, da sempre sostenitore accanito del progetto -. Nel mese di gennaio riusciremo a comprare il materiale che ci eravamo prefissati. Grazie alla generosità di molte persone che hanno voluto aderire e coadiuvarci in questa iniziativa. Un semplice aiuto e un modo per manifestare vicinanza a chi si deve sottoporre a cure mediche di questa portata, cercando di trasmettere vicinanza e amore. Ci siamo quasi!»
«La sfida che abbiamo scelto di portare avanti nella crescita della condivisione e dell’assunzione di responsabilità di quanto l’applicazione del principio di sussidiarietà può determinare, ha portato anche questo risultato del quale sono e siamo molto orgogliosi – ha commentato entusiasta il Sindaco Lucia Baracchini -. Il nostro Ospedale è una necessità che deve essere vissuta con serenità da chi ne ha bisogno. E noi abbiamo voluto accogliere la richiesta fattaci da alcuni cittadini rispetto alla necessità di poter avere un contesto adeguato nel momento in cui ci si trova costretti a dover trascorrere diverse ore seduti in questo ambulatorio per avere le necessarie cure chemioterapiche .
Spero davvero che l’acquisto di un paio di poltrone davvero comode potrà rendere meno pesante , almeno da un punto di vista di comodità fisica, la lunga permanenza che queste cure impongono
Il grazie più sentito e costruttivo a quanti hanno accolto la nostra richiesta, contribuendo così a costruire un ambiente fisico e una dimensione di consapevolezza importanti!».

Ufficio Stampa

2017-12-02T11:58:25+00:00 2 dicembre 2017|