Firma dei protocolli per la costituzione delle Aggregazioni della Via Francigena

/, Primo Piano/Firma dei protocolli per la costituzione delle Aggregazioni della Via Francigena

Decentramento delle responsabilità, gestione, manutenzione, promozione e valorizzazione del sistema Via Francigena. Sono questi gli obiettivi che si prefigge il Protocollo d’Intesa firmato Martedì 25 Luglio a Firenze, nella Sala Pegaso del Palazzo della Regione Toscana dalle quattro aggregazioni regionali insieme all’Assessore Regionale al Turismo Stefano Ciuoffo. I quattro rappresentanti, uno per ogni aggregazione, hanno quindi siglato l’accordo mirato a dare sempre più luce ad una realtà che giorno dopo giorno acquista sempre maggior valore sul panorama mondiale. Presente e firmataria, come rappresentante del Comune Capofila dell’Aggregazione Nord, il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini che insieme ai sindaci di Lucca Alessandro Tambellini, di Siena Bruno Valentini e di Fucecchio Alessio Spinelli, rappresentanti delle Aggregazioni Centro Nord, Sud e Centro Sud, ha partecipato al Tavolo d’Intesa condividendo stimoli e obiettivi con i colleghi delle altre aggregazioni toscane. Insieme a lei, per l’Aggregazione Nord erano presenti il Sindaco di Filattiera Annalisa Folloni, il Vice Sindaco di Aulla Roberto Cipriani e l’Assessore al Turismo del Comune di Massa Elena Mosti, il cui Sindaco avrà il compito di convocare e presiedere la Conferenza dei Sindaci, l’organo di indirizzo e di governo per la realizzazione degli obiettivi di tale Protocollo.

Una mattinata in cui centrale è stata l’intenzione di dare ancor più valore alla Via più conosciuta d’Europa, andando così a curare quei dettagli che potrebbero renderla ancora più accessibile, gradevole e fruibile. In un contesto come quello della Regione Toscana, da sempre conosciuta in tutto il mondo per i suoi paesaggi, viste, attrazioni culturali, artistiche e naturali.
Pontremoli e l’intero territorio compreso nell’Aggregazione Nord ben si inserisce in questo quadro, dimostrando così la grande attenzione che l’Aggregazione guidata da Lucia Baracchini riserva alla Via dei pellegrini.
Basta arrivare all’ombra del Campanone, continuare il percorso che conduce alla suggestiva Pieve di Sorano, per poi passare all’Abbazia di San Caprasio e sino al mare, tra piazze storiche e percorsi naturalistici, per poter scorgere pellegrini, giovani e meno giovani, famiglie e gruppi di amici che sulla Francigena transitano, rimanendo affascinati delle emozioni che il tratto che ha inizio sul Passo della Cisa, la Porta della Toscana, regala a chiunque lo attraversi.
Un Protocollo che profuma di futuro e di buone intenzioni, di voglia di migliorare e valorizzare. In un’ottica sempre più attenta a sottolineare l’importanza strategica dell’intero tratto di competenza, che dalle montagne arriva sino al mare, in un susseguirsi di paesaggi, climi, profumi, atmosfere e tradizioni. Un impegno condiviso, una promessa per investire in un grande potenziale, rendendolo sempre più l’attrattiva di punta di un territorio ricco, eterogeneo ed etereo. E nulla, meglio della Via Francigena, può rappresentare in maniera esaustiva tutti questi valori.

L’Ufficio Stampa del Comune di Pontremoli

2017-07-26T15:55:43+00:00 26 luglio 2017|