Contribuisci a valorizzare la storia di Pontremoli con ArtBonus

//Contribuisci a valorizzare la storia di Pontremoli con ArtBonus

Il territorio del Comune di Pontremoli si sa, è ricco di bellezze ed eccellenze dal punto di vista storico, artistico e culturale. Siti storici apprezzati ben oltre i confini, visitati da migliaia di turisti, curiosi, visitatori e appassionati che, spesso, durante l’intero periodo dell’anno, assiepano le nostre vie ammirando tutto quel che di bello abbiamo a disposizione. Opere suggestive e di grande valore umano ed emotivo oltreché storico, che, però, per essere mantenute tali, necessitano di interventi volti a dare continuità al loro significato, ad ampliare le loro possibilità e a renderli sempre più fruibili e appetibili. Come fare? Con Art Bonus!
Art Bonus è una Disposizione emanata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, volto a incrementare una presa di coscienza in noi cittadini amanti del territorio e chiamandoci quindi a una scelta consapevole e partecipativa. L’iniziativa è volta a far diventare, ognuno nel proprio piccolo, un Mecenate della Cultura, grazie ad erogazioni liberali che tutti possono effettuare, senza un minimo imponibile, a beneficio di alcuni interventi individuati dal Comune interessato e dirette al mantenimento e sostentamento di alcuni siti storici del territorio.
Visitando il sito internet www.artbonus.gov.it e inserendo tra i criteri di ricerca degli interventi “Pontremoli” è possibile visionare gli interventi finanziabili grazie ad Art Bonus. Un modo per manifestare il proprio amore per il territorio facendo un vero e proprio regalo alla cultura che tramite questi siti storici e artistici viene emanata e respirata da tutti noi. Non solo.
Si tratta infatti di un regalo che ognuno di noi farà anche a sé stesso e a tutti coloro che verranno dopo di noi: figli, nipoti, che domani potranno godere di una Pontremoli più “aggiornata” , fruibile e innovata, più ricca e appetibile. E di un regalo all’arte e alla storia che ci è stata tramandata: tramite questi interventi è possibile mantenere in buono stato, anzi addirittura valorizzarla, l’eredità che abbiamo il dovere di apprezzare e tutelare, valorizzandola e preservandola per gli anni a venire.
Castello del Piagnaro, Teatro della Rosa, Campanone e Ponte dei Quattro Santi, sono, per ora, i siti per i quali sono previsti degli interventi di ristrutturazione, sistemazione e manutenzione. Tra i simboli del Comune di Pontremoli, riconosciuti da tutti come valori di cui è difficile stilare un valore quantitativo, sono i destinatari delle erogazioni di Art Bonus.
Una raccolta da effettuare tutti insieme, per Pontremoli e tutto quello che ogni giorno ci offre nella sua eterea bellezza. Una sinergia che deve partire da ognuno di noi tramite una decisa presa di coscienza di ciò che abbiamo e di ciò che vogliamo rimanga a chi verrà dopo di noi. Una svolta personale e territoriale che oggi ci si presenta come una grande occasione per fare qualcosa di concreto, tutti insieme per Pontremoli.
Sul sito internet di ArtBonus è possibile reperire tutte le informazioni necessarie sugli interventi messi in programma e su come effettuare eventuali donazioni. Basta seguire la domanda “Sei un mecenate?” e ognuno di noi, può davvero diventarlo.
Diventiamo mecenati della cultura, cogliamo questo invito a fare di Pontremoli un’eccellenza in tutte le sue numerose peculiarità.
«Ringrazio tutti coloro che in questi mesi ci hanno sostenuto e aiutato nella elaborazione dei progetti che, da oggi, finalmente vedono la luce sul portale ARTBONUS – ha commentato il Sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini -, predisposto dal Governo per favorire la diffusione di buone pratiche che, con ricadute importanti per i tanti che ne fanno parte, da chi dona a chi riceve a chi semplicemente potrà godere delle bellezze ritrovate, sapranno portare le risorse e le attenzioni necessarie ad un territorio che ha il dovere etico e istituzionale di trovare il proprio strumento di crescita nella grande storia che, grazie alla sua posizione strategica, l’ha portato ad essere, nel corso dei secoli, importante tappa e luogo di incontro. A ciascuno di noi il grande compito di togliere la “polvere” dai tanti segni del nostro passato per tornare allo splendore di Pontremoli, snodo nevralgico dei commerci e dei transiti, culla di cultura e di tradizioni».

Ufficio Stampa

2017-12-15T16:00:07+00:00 15 dicembre 2017|